Psicologa disturbi del comportamento alimentare a Pisa

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) o disturbi dell’alimentazione sono patologie caratterizzate da una alterazione delle abitudini alimentari e da un’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo. 
​Questi disturbi hanno un esordio precoce che interessa l'infanzia e la prima adolescenza con una prevalente diffusione nel genere femminile. Sono un insieme di disturbi che portano ad un serio rischio per l'incolumità della persona ed è necessario riconoscerli per poterli diagnosticare precocemente.


I fattori comuni tra i vari disturbi alimentari sono un'eccessiva importanza attribuita al peso, alla forma del corpo e al monitoraggio continuo dell'alimentazione; completano il quadro bassa autostima, perfezionismo e bisogno di controllo. La sensazione di non essere accettati dagli altri porta a sentirsi inadeguati e con un umore tendenzialmente depresso.



BULIMIA NERVOSA

Annoverato tra i disturbi del comportamento alimentare, significa letteralmente "fame da bue", è un disturbo che "divora" la persona nel corpo e nella psiche. Si manifesta con restrizioni alimentari ferree che sfociano in abbuffate e successive condotte di eliminazione (vomito autoindotto, uso di lassativi, ma anche digiuno con allenamenti in palestra prolungati) e la reintroduzione del controllo esasperato sull'alimentazione, che porta inevitabilmente a nuove abbuffate; tutto questo accade in modo ciclico.
Queste condotte comportamentali sono accompagnate da un intenso senso di colpa quando non si riesce ad avere il controllo sul cibo e sulla propria volontà. Il disturbo è associato ad un'immagine distorta del proprio corpo e a continue autocritiche, paragoni con altre persone e idealizzazione di una bellezza non aderente alla realtà. La vergogna che accompagna la bulimia porta spesso a nascondere il problema che diventa molto pericoloso per la salute.

ANORESSIA NERVOSA

L'anoressia nervosa è un disturbo dell'alimentazione che si caratterizza con una estrema paura di ingrassare e un'alterata percezione del proprio corpo con conseguente rifiuto massiccio del cibo. Solitamente chi soffre di questo disturbo è visibilmente sottopeso ma non facciamoci ingannare perchè non sempre è così e spesso si rischia di sottovalutare le situazioni anche più gravi.
Le persone che si ritrovano con un disturbo di anoressia vivono una condizione di continuo ed estremo controllo su ciò che mangiano e con estrema paura di perderlo: anche una caloria ingerita in più a quello che era stato previsto fa scattare le condotte di riparazione del danno: digiuno, vomito autoindotto, esercizio fisico estremo, ecc..
La particolarità più pericolosa di questo disturbo è data dal fatto che, contrariamente agli altri disturbi del comportamento alimentare, esso è egosintonico, ovvero in armonia con i bisogni e desideri della persona. Diciamo che soggetto è d'accordo con il suo disturbo e non manifesta assolutamente la motivazione al cambiamento, ponendo resistenza all'aiuto che le persone vicine tentano di dargli.

Le complicazioni mediche riguardano principalmente alterazioni nelle funzioni:

  • endocrine;
  • cardiovascolari;
  • gastrointestinali;
  • ematologiche;
  • metaboliche.

 

BINGE EATING DISORDER

Il Binge Eating Disorder, detto anche disturbo da alimentazione incontrollata, sembra essere il disturbo del comportamento alimentare maggiormente diffuso tra i maschi. Si presenta con degli episodi ricorrenti di alimentazione incontrollata, delle vere e proprie abbuffate, durante i quali la persona ingurgita una grande quantità di cibo in un tempo relativamente breve. Gli episodi di abbuffata non vengono seguiti da comportamenti di compenso: si mangia anche in assenza di appetito,grandi quantità di cibo fino a sentirsi spiacevolmente pieni, avvengono per lo più in solitudine e sono accompagnati da un profondo senso di vergogna, depressione e disgusto verso se stessi. Tali sentimenti portano piano piano anche ad un isolamento sociale che compromette la vita della persona e spesso il soggetto è sovrappeso o addirittura in una condizione di obesità. 

VIGORESSIA

La vigoressia è una new entry nei disturbi del comportamento alimentare ed è caratterizzata da una dismorfofobia e da una vera e propria ossessione per il tono muscolare, l'allenamento, la massa magra e da un'alimentazione molto restrittiva e iperproteica. 
Questo disturbo può anche essere classificato come disturbo ossessivo compulsivo per la forte componente di dipendenza eccessiva ed ossessiva dall'esercizio fisico che causa una preoccupazione eccessiva per il proprio aspetto e il desiderio di modificare il proprio corpo aspirando alla perfezione.
La palestra (in genere body building) diventa centrale nella vita di questi soggetti e spesso compromette la vita sociale e lavorativa: le abitudini alimentari diventano rigide e salutistiche, con una forte componente proteica e l'utilizzo di integratori  con evitamento dei cibi grassi.